«Un altro Hitler, in Iran»: Israele rispolvera lo spauracchio nazista

Ecco una delle tipiche situazioni in cui, a ben guardare le carte, il buono della situazione non lo trovi neanche coprendoti un occhio. L’Iran è sempre più minaccioso. Israele dorme con il dito sul grilletto. Obama chiede gentilmente di non metterlo nei casini e di pazientare almeno fino alle prossime elezioni. Del tipo fatemi rieleggere e poi scatenate pure l’inferno.

L’Ambasciatore di Israele negli Usa Michael Oren cerca però di forzare la mano ricorrendo alla retorica, paragonando l’Ayatollah Ali Khamenei ad Adolf Hitler: «It denies the murder of six million Jews by the Nazis, while pledging to murder another six million».

E non ha mica tutti i torti. Ma queste parole hanno molti pesi, a seconda di chi le ascolta. Israele vuol far credere che le armi atomiche iraniane saranno pronte entro poco, e vuole abbatterle sul nascere. Nessuno però sembra dargli retta, allora calca la mano con le metafore, forse un po’ troppo: Israele è un’armata più che una nazione, aggressiva come nessun altro stato. Non può fare la parte dell’innocente che deve salvarsi dalla rinascita nazista, non dopo aver fatto la parte del cattivo contro i palestinesi per tanti anni.

 

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: